Contatti

Galleria d'arte Gabriella
di Immobiliare Stemal srl

sede legale
via Generale Fanti, 18 Busto Arsizio

sede espositiva
via Cavour,1 / Piazza S.Maria,2 Busto Arsizio
Tel.0331.670524
email: info@artegabriella.com

P.Iva 01804650123
Capitale sociale i.v.. 10.400,00

Iscrizione registro delle imprese:
Iscritta al Registro Delle Imprese di Varese
con numero 01804650123
Rea N° 208347 della C.C.I.A.A. di Varese

La Galleria d'Arte ha due ingressi: il primo in via Cavour,1
ed il secondo in Piazza S.Maria,2 a Busto Arsizio (VA)

Opere

News

     

    Padre Pio

    Erri Colo - tutte le opere

    Opera di dimensioni cm.100 x 70 realizzata ad olio su cartone nell’anno 2002. E’ tratta da una piccola immaginetta lasciata nelle case in occasione della benedizione natalizia e viene ampliata non solo nelle dimensioni ma soprattutto nel significato.

    Padre Pio è “colto”, fermato in un istante della sua preghiera, nel suo continuo e costante rapporto con Dio. Questo rapporto che lo riempie di gioia, serenità, pace traspare appieno nei tratti del suo volto disteso e sorridente, nell’espressione dolce dello sguardo, nella postura del corpo proteso verso qualcosa che materialmente non c’è ma che pure si avverte in tutta la sua forza e intensità. La preghiera è il canale privilegiato attraverso il quale si svolge questo rapporto ed ecco, quindi, a simboleggiarlo in primo piano il Rosario ma soprattutto la Croce, espressione della Passione di Cristo che Padre Pio ha rivissuto sulla sua carne quando ha ricevuto le stimmate. L’eccellente fattura dell’opera del pittore riesce a rendere perfettamente questo dinamismo: Padre Pio sembra vivo, reale, pronto a “uscire” dal dipinto, il suo sguardo pare incrociare quello di chi sta di fronte e si completa in esso: l’occhio di chi osserva l’opera infonde in essa la vita e gli dà quel compimento che l’artista volutamente lascia che sia l’osservatore a portare. Tutto questo in una sinergia che origina sensazioni ed emozioni diverse in ogni persona che si colloca di fronte al dipinto e che rende per questo l’opera un capolavoro.
    Il valore dell’opera non sta però solo nella capacità di creare questi effetti e questo rapporto sinergico, ma anche nella tecnica. Innanzitutto la pittura ad olio.La definizione potrebbe essere fuorviante: non è stato utilizzato il classico colore ad olio bensì olio di lino colorato, ossia olio in cui è stato stemperato il pigmento colorato.
    Si pensi allora alla capacità che il ricorso a una tecnica simile richiede soprattutto quando il supporto su cui lavorare è, come in questo caso, cartone non trattato.E’ evidente che lavorare in questo modo richiede un gesto preciso, sicuro, senza ripensamenti, non esiste margine di errore né tanto meno la possibilità di modificare quanto realizzato.Il livello di concentrazione, durante l’esecuzione, deve essere massimo,l’opera deve essere presente compiutamente nella mente dell’artista il quale, a sua volta, deve essere in grado di realizzarla immediatamente.
    Il ricorso alla tecnica dell’olio di lino colorato ha garantito anche un ottimo risultato quanto a cromatismi.Tutta l’opera è giocata su un cromatismo di marroni e terre, sapientemente sfumati e accostati sullo sfondo e nel saio del frate sul quale l’artista ha creato tre diverse tonalità. Questo ha contribuito a realizzare, grazie ad un accorto uso del chiaroscuro, un’opera tridimensionale, dove la figura acquista uno spessore ed un rilievo tali per cui, come si diceva prima, sembra vera. Tutto questo non è espressione di un virtuosismo fine a se stesso, ma la conferma di una straordinaria capacità di realizzare le proprie opere che il pittore ha già più volte dimostrato e che sicuramente non mancherà di confermare anche nel futuro.

    Padre Pio

    “Padre Pio” - 2002
    Olio su cartone cm 100 x 70

    avanti
    indietro